Un fine settimana in Sicilia

Un volo fissato un po di mesi fa a €5,90 andata e €5,90 ritorno, con la scusa di andare a passare due giorni a Trapani e zone limitrofe con tanto di cultura culinaria.

Così finalmente siamo arrivati alla data prefissata e siamo partiti, io, Danilo, Mariapia, Aurelia, Gino e Donatella. Siamo partiti con due macchine alla volta dell’aereoporto di Pisa per volare verso Trapani. Partiti con il sole, e arrivati con il nuvolo.

IMG_7037

Aeroporto di Pisa

IMG_7049

Abbiamo noleggiato una monovolume a 7 posti e via diretti verso il nostro albergo, una volta sistemati i nostri bagagli siamo usciti per fare shopping in centro. Danilo ha chiesto informazioni per trovare un buon ristorante ad una persona che poi si è rivelato un ex collega vigile, così ci ha consigliato un paio di ristoranti tipici .

Sicilia_101118_0009

Cattedrale di San Lorenzo  Trapani

Sicilia_111118_0017

Palazzo Cavarretta Trapani

Dopo aver girato per il centro siamo andati a cena alla Taverna Caupona dove ci siamo fatti consigliare dei piatti tipici della zona abbinati ad altrettanto vini tipici.

 

 

 

La domenica mattina siamo partiti abbastanza presto per fare un itinerario che avevamo stabilito la sera prima, siamo passati a visitare la Torre di Ligny (museo civico) di Trapani

Sicilia_111118_0019

Trapani

Sicilia_111118_0024

Torre di Ligny Trapani

Sicilia_111118_0025

Trapani

poi siamo andati a prendere a funivia per salire a Erice dove, appena arrivati abbiamo fatto colazione , poi abbiamo fatto un giro per il paese.

Sicilia_111118_0035

Funivia per Erice

Sicilia_111118_0031

Vista su Trapani

IMG_7090

Porta a Trapani Erice

IMG_7093

Sicilia_111118_0040

Chiesa Madre di Erice

Sicilia_111118_0041

Sicilia_111118_0044

Sicilia_111118_0046

Piazza della Loggia Erice

Dopo avevamo intenzione dia andare a Mazzara del Vallo, ma ci hanno detto che era in allerta meteo Così abbiamo cambiato destinazione e ci siamo diretti verso   Castellammare del Golfo, durante il tragitto abbiamo deciso di visitare anche San Vito lo Capo, con una spiaggia bianchissima.

IMG_7096

Spiaggia del Bue Marino

IMG_7102

IMG_7098

Spiaggia del Bue Marino

 

IMG_7105

San Vito lo Capo

Sicilia_111118_0063

Sicilia_111118_0064

San Vito lo Capo

Sicilia_111118_0091

Appena siamo arrivati ci se è presentata una panoramica dall’alto sul golfo di Castellammare impressionante, siamo scesi e siamo andati in visita al porto turistico dove siamo arrivati in tempo per pranzare al Ristorante Luxor.

IMG_7110

Castellammare sul Golfo

IMG_7107

IMG_7135

Cala Petrolo

Sicilia_111118_0078

 

Sicilia_111118_0079

Castellammare sul Golfo

 

 

 

 

Dopo una breve passeggiata lungo il porto abbiamo preso la strada per tornare in albergo.

IMG_E7130

Porto di Castellammare sul Golfo

Sicilia_111118_0080

Sicilia_111118_0087

Sicilia_111118_0089

Arrivati in albergo dopo una sistemata veloce, siamo usciti di nuovo per vedere la Festa Medievale della Rievocazione Storica Manfredi di Trinacria  tra le strade di Trapani.

Sicilia_111118_0093

Centro di Trapani

Sicilia_111118_0099

Sicilia_111118_0101

Sicilia_111118_0104

Man mano che si avvicinava l’ora di cena, abbiamo cercato il ristorante che ci avevano consigliato, una volta arrivati per il Corso Vittorio Emanuele abbiamo trovato l’ Osteria I Vitelloni dove abbiamo degustato dei piatti tipici locali accompagnati da un paio di vini tipici della zona.

 

 

 

Siamo arrivati al giorno della partenza, abbandonato l’albergo abbiamo fatto colazione ci siamo diretti verso l’aeroporto, ma siccome eravamo in anticipo siamo arrivati a Marsala, tanto per non farci mancare niente, un giro veloce, due fotografie e via a prendere il volo di ritorno.

IMG_E7143

Saline di Marsala

Sicilia_121118_0111

Sicilia_121118_0112

IMG_7148

Aeroporto di Trapani

IMG_7150-1

IMG_7175

Trapani

IMG_7186

IMG_7160

IMG_7203

Livorno

IMG_7218

IMG_7230

Porto di Livorno

IMG_7238

Aeroporto di Pisa

Annunci

Gente di’ Pinocchio

Senza titolo-1

Persone e personaggi di San Miniato Basso

Senza titolo-2

Quest’anno, dietro richiesta da parte del sindaco Vittorio Gabbanini, insieme a Filippo Lotti, abbiamo iniziato una nuova avventura fotografica. Filippo ha curato la mostra, mentre io ho fotografato i primi ventiquattro soggetti del Pinocchio, ovvero personaggi di San Miniato Basso.

Senza titolo-3

Quando Filippo mi ha proposto di essere il fotografo della prima edizione di “Gente di’ Pinocchio” non mi sono tirato indietro, anche se mi è costato un po di sacrificio, mi è piaciuta l’ idea di fotografare la gente del mio paese.

Senza titolo-4

E’ stato un reportage durato circa due mesi, dove sono “entrato” negli ambienti  lavorativi per scoprire e documentare i vari modi di lavoro di queste persone

Senza titolo-5

Questo è il primo anno di cinque, nei prossimi quattro anni cambieranno fotografi e saranno inseriti nuovi soggetti per un totale di 120, alla fine dei cinque anni il tutto si dovrebbe “chiudere” in un libro che rimarrà come parte della storia del nostro paese.

Senza titolo-6

Un pomeriggio con Elena

Elena G_020717_0013

Sì, con Elena dopo tanto tempo ci siamo ritrovati, lei mi ha contattato per poter realizzare un progetto che aveva in mente, così in una calda domenica di luglio ci siamo trovati e abbiamo passato un bel pomeriggio insieme. 

Elena G_020717_0020Elena G_020717_0010Mentre erravamo in macchina per trovare la location mi ha spiegato quello che voleva realizzare, così ci siamo ritrovati nel borgo di Vicopisano a scattare in stile “street Photography” con Elena che si è calata nella parte di una turista in giro per i vicoli tipici toscani.

Elena G_020717_0024Elena G_020717_0033Elena G_020717_0039Elena G_020717_0043Elena G_020717_0049Elena G_020717_0059Poi abbiamo cambiato location, e visto che era l’ora giusta, ci siamo fatti un aperitivo con un buon vino bianco fruttato, così io ho approfittato per fotografare Elena anche in questa situazione.

Elena G_020717_0169Elena G_020717_0182Elena G_020717_0198Elena G_020717_0208.jpgElena G_020717_0200Elena G_020717_0213Elena G_020717_0217

Anche con Elena ci siamo promessi di ritrovarci per poter scattare di nuovo insieme, questa volta, magari in una location al chiuso.

1000 Miglia a San Miniato

Schermata 2017-05-21 alle 17.49.17

Quest’anno la 90^ edizione della storica competizione della Mille Miglia (Brescia -Roma-Brescia di circa 1700 chilometri) è passata da San Miniato, più precisamente nella tappa più lunga, la terza, che va da Roma a Parma, passando da Siena, Monteriggioni, San Miniato, e Montecatini proseguendo verso il Passo dell’Abetone per arrivare in serata a Parma.

Millemiglia_200517_0081-2

Così sabato sono andato a fotografare questa magnifica sfilata di auto d’epoca di prestigio. Sfrecciando tra le strade della cittadina, con una breve sosta in Piazza della Repubblica dove c’era il punto di controllo timbro, a fine mattinata sono arrivate le prime vetture del Mercedes-Benz Mille Miglia Challenge con dei modelli eccezionali. Finito questo primo passaggio è stata la volta del Ferrari Tribute to Mille Miglia con auto di altissimo livello.

Millemiglia_200517_0004Millemiglia_200517_0024Millemiglia_200517_0029Millemiglia_200517_0049Millemiglia_200517_0045Millemiglia_200517_0055Millemiglia_200517_0068Millemiglia_200517_0071

Nel primo pomeriggio invece è arrivata la vera e propria carovana delle auto storiche, circa 450 splendidi esemplari di autovetture d’epoca, condotte da equipaggi arrivati da decine di Paesi diversi, per rappresentare il più prestigioso museo viaggiante del mondo.

Millemiglia_200517_0079Millemiglia_200517_0080-2Millemiglia_200517_0098Millemiglia_200517_0116Millemiglia_200517_0090Millemiglia_200517_0121Millemiglia_200517_0124Millemiglia_200517_0135Millemiglia_200517_0138Millemiglia_200517_0153Millemiglia_200517_0168Millemiglia_200517_0171Millemiglia_200517_0176Millemiglia_200517_0177Millemiglia_200517_0180Millemiglia_200517_0188Millemiglia_200517_0198Millemiglia_200517_0199Millemiglia_200517_0202Millemiglia_200517_0203Millemiglia_200517_0204Millemiglia_200517_0208Millemiglia_200517_0246Millemiglia_200517_0249Millemiglia_200517_0255Millemiglia_200517_0265Millemiglia_200517_0274Millemiglia_200517_0287Millemiglia_200517_0302Millemiglia_200517_0324-2Millemiglia_200517_0341Millemiglia_200517_0349Millemiglia_200517_0354Millemiglia_200517_0456Millemiglia_200517_0459Millemiglia_200517_0514Millemiglia_200517_0524

Un sentito ringraziamento all’amico Bruno Tamburini e Mario Morelli, per averci messo anima e corpo nell’organizzare tutto questo. Ringraziamenti dovuti al sindaco Vittorio Gabbanini, l’assessore Giacomo Gozzini e Delio Fiordispina, presidente di San Miniato Promozione, non per ultimo un ringraziamento per il  buon lavoro svolto dalla Protezione Civile e il corpo della Polizia Municipale per aver fatto si che tutto filasse liscio.

Di nuovo con Chidima

Chidima U_0050

Si con Chidima (si scrive Chidima , ma si pronuncia Cidima) avevamo già scattato insieme tempo fa, poi siamo sempre rimasti in contatto tramite i vari social, così l’altra settimana ci siamo sentiti e abbiamo deciso di organizzarci per scattare nuove foto, questa volta in esterni.

Chidima U_0011Chidima U_0015

Sono passato a prenderla e siamo andati in cerca di location abbastanza tranquille. Abbiamo iniziato da un semplice cavalcavia, poi un campo in aperta campagna per poter sfruttare il verde primaverile, dopo siamo passati a un sottopassaggio abbastanza nuovo della linea ferroviaria e per ultimo abbiamo fatto due scatti in stazione, dato che la dovevo riaccompagnare a prendere il treno.

Chidima U_0108Chidima U_0111Chidima U_0140Chidima U_0161Chidima U_0068Chidima U_0082Chidima U_0183Chidima U_0198Chidima U_0250Chidima U_0251Chidima U_0297Chidima U_0314Chidima U_0326

Matrimonio Unplugged

cameraphones-1024x619.jpg

Prendendo spunto da un post di un mio collega, cerco di diffondere per far capire alla massa una situazione che si sta dilagando a macchia d’olio ormai da tempo,  quella di ritrovarsi ai matrimoni con decine di invitati che, invece di seguire e godersi la cerimonia dei suoi amici, si improvvisano “fotografi” dal telefono facile, così da creare imbarazzo prima di tutto per gli sposi, intralciare il lavoro del fotografo professionista che è stato incaricato dalla coppia di “raccontare” la loro giornata di festa, altra ragione molto importante,  gli sposi vorrebbero che le loro immagini  postate sui social avessero un senso e che non fossero foto scattate così a caso e sparate su i social tre minuti dopo che la coppia  abbia pronunciato il fatidico sì, e non per ultimo creano una caduta ti stile per tutto il matrimonio.

c161c2f34161e4b91375b05124fda476.jpg

Così, ultimamente sono le coppie stessa, che quando vengono a fissare il proprio matrimonio, mi dicono frasi come questa:  “Ma come possiamo  impedire che gli invitati passino la giornata a fotografare con il telefonino invece che godersi la giornata?, magari basterebbe un po di buon senso e di rispetto da parte degli invitati nei confronti degli sposi.

Effettivamente anche noi fotografi ci ritroviamo tanti scatti, da buttare, “sciupati” dalla presenza di invitati, che per “rubare” un attimo, entrano in scena, senza preoccuparsi minimamente di dare fastidio, con il tipico gesto del braccio teso con un telefono o peggio ancora con un tablet, per fare i propri comodi consapevoli ance di distrarre la coppia di sposi.

Ultimamente ai matrimoni di stranieri ho visto le wedding planner posizionare dei cartelli sia all’ingresso dove si svolge la cerimonia, sia all’entrata dove viene fatto il ricevimento, con scritto  di non usare telefoni, tablet o macchine fotografiche durante la cerimonia, ma di godersi la giornata da invitati.

Unplugged-Wedding-Poster-16x20.jpg

Il Matrimonio e la sua Post Produzione

fedi_060313_0006

Si fa presto a dire ho fatto le foto ad un matrimonio, ma il lavoro del fotografo con il giorno dell’evento è appena iniziato. Di solito la giornata lavorativa inizia con i preparativi della sposa, circa 2/3 ore prima del l’orario del ricevimento in chiesa/comune, documentando tutta la giornata, per finire quando termina la festa.

Ma questa è solo la prima parte del lavoro che prosegue, una vota tornati in studio a scaricare archiviare e nominare i file scattati durante l’evento, poi nei giorni a venire, con tranquillità, inizio a selezionare gli scatti, in questa fase si deve avere la mente libera per fare una scelta in base a come andrà impaginato il lavoro sull’album, che ,nel frattempo l’album è già stato ordinato alla ditta costruttrice su ” misura” come è stato scelto dagli sposi.

postlav_150113_0002

postlav_150113_0007

postlav_150113_0019

Dopo aver scelto le foto inizia la fase di impaginazione, nel caso di un album tradizionale, di solito mi faccio un “bozza” dove cerco di impaginare “virtualmente” la giornata cercando di raccontare con un filo logico tutto quello che è successo. Questa fase cambia se viene scelto un foto libro, perché l’impaginazione viene effettuata tramite software dedicati.

postlav_150113_0059

Una volta che ho realizzato questa “bozza” inizia la fase di stampa su carta con il tipo di superficie scelta insieme alla coppia, nei vari formati, pagina per pagina, a colori e bianconero.

_sgh0374

postlav_150113_0036

La fase successiva è quella del l’impaginazione vera e propria, che consiste nell’attaccare “fisicamente” le stampe sulle pagine dell’album, lavoro molto delicato e di precisione, una volta finito, il lavoro è pronto, nel frattempo preparo un CD o supporto USB, con tutti i file scattati.

postlav_150113_0058

postlav_150113_0045

postlav_030313_0068

postlav_020313_0074

postlav_020313_0082

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: