I Primi scatti con Cristina

Con Cristina ci siamo conosciuti negli anni scorsi in occasione del Dramma Popolare di San Miniato, lei responsabile alla biglietteria io fotografo di scena.

Così tramite i social e poi con WA ci siamo sentiti e ci siamo organizzati per poter scattare insieme. Io dovevo fare alcuni scatti per delle montature di occhiali per preparare dei cartelli vetrina personalizzati e alcuni ingrandimenti da esporre nel reparto di ottica del negozio. Nell’occasione ho approfittato di fare alcuni scatti anche per Cristina.

Avevo calcolato di fare un uscita in esterni e poi rientrare in studio per scattare in interni, ma il giorno che avevamo scelto ha piovuto ed è raffrescato, così ci siamo organizzati per scattare solo in studio, rimandando a data da destinarsi gli scatti in esterni.

Un paio di giorni dopo il sole è tornato a farsi sentire, così ci siamo organizzati per scattare durante una pausa pranzo, dalle 14 alle 16, tra l’altro avevo da tempo una location abbastanza vicina a casa in modo da perdere poco tempo durante i trasferimenti.

Con Cristina mi sono trovato subito bene, anche perché lei non era la prima volta che posava davanti al’obiettivo, così fin da subito abbiamo trovato un buon feeling.

Jessica e Damiano

Jessica è già nostra cliente, mi ha contattato il mercoledì per fissare il suo matrimonio che si sarebbe svolto il Sabato, potrete immaginare che nei primi momenti mi ha un po spiazzato, anche perché il sabato avevo già un altro impegno, allora mi son fatto lasciare il suo recapito e mi sono attivato subito per pianificare al meglio l’evento.

Visto che voleva anche il video ho chiamato subito un operatore che, anche lui, è rimasto spiazzato, perche la mattina era impegnato cosi ci sismo risentiti all’ora di pranzo e abbiamo trovato una soluzione, la mattina a casa per i preparativi e alla cerimonia in chiesa cera un operatore, mentre il pomeriggio al ristorante e al Teatro del Silenzio ormai nota location a Laiatico sarebbe venuto lui.

Per quanto riguardava le fotografie, sono andato la mattina a casa per i preparativi poi in chiesa, dopo son tornato a casa per prepararmi all’altro impegno che sono andato ad iniziare, poi a una certa ora ho lasciato mio babbo a continuare e con l’operatore siamo partiti alla volta di Laiatico per riagganciare gli sposi per il finale della cerimonia.

Fotografia di Maternity

Ormai da un po di anni, visto la richiesta da parte dei clienti, ho iniziato a scattare anche fotografia di maternity.

Questo tipo di fotografia consiste nell’organizzare una sessione fotografica in studio o, quando è possibile, in esterni fotografando future mamme in dolce attesa con il proprio compagno.

E’ una fotografia che deve catturare momenti di piaceveole intimità tra di loro, in questo caso il “soggetto” è il “pancione” che naturalmente andrebbe messo in risalto.

Prima di trovarsi per scattare, invito la coppia nel mio studio e pianifichiamo la sessione fotografica: decidiamo giorno, ora e location, outfit con i vari cambi d’abito in modo che tutto vada per il meglio.

Con i file che vi verranno consegnati avrete tante possibilità tra le quali quella di realizzare delle immagini magari montate su cornice ed esposte nelle vostre case, oppure realizzare un fotolibro dove racchiudere tutto il “racconto” di questo bellissimo momento della vostra vita.

Quelli che vedete sono solo alcuni scatti dei vari shooting, buona visione, se volete prenotare chiamate direttamente in studio al 0571 418677 oppure tramite WhatsApp 339 1347887

Alcuni scatti con Nora

In questa occasione mi sono portato dietro oltre alla Canon con la mia ottica preferita 50mm f1.2, due illuminatori a luce continua, ma dopo i primi scatti li ho subito spenti e ho preferito lavorare in luce ambiente, devo dire che il risultato è sicuramente più “suggestivo” e gradevole.

Con Nora ci siamo trovati fin da subito in sintonia, questo anche merito dell’empatia dove si è creato un rapporto di “fiducia” tra me fotografo, e lei soggetto da fotografare. In queste situazioni si raggiunge il massimo anche a livello fotografico visivo.

Dato che ci siamo trovati bene e divertiti, con Nora abbiamo deciso di scattare di nuovo insieme prossimamente.

A casa di Marsida

Era tanto che a Marsida gli dicevo che una volta sarei andato a trovarla a casa sua, cosi un lunedì mattina l’ho chiamata e sono passato a trovarla.

Mi ha accolto con piacere, e dopo avermi fatto vedere la sua casina abbiamo deciso di fare due scatti al volo, sono sceso in macchina e ho preso la mia Fuji X100s.

Lei stava cercando un po di vestiti, quando sono tornato in casa l’ho trovata in controluce davanti ad una finestra vestita con un body, gli ho subito detto, ferma che c’è una luce spettacolare, cosi abbiamo scattato “giocando” con la luce che filtrava dalla sua finestra.

I Primi scatti con Nora

Nora ho avuto occasione di conoscerla tramite Marsida, un’amica in comune, nel locale che frequentiamo, cosi dopo un po di tempo gli ho proposto se era disponibile a farmi da “modellina”.

Nel frattempo mi è capitato di dover fotografare per Limitless, una linea di occhiali da vista e da sole, con la caratteristica di avere degli inserti in pelle o cuoio.

Cosi abbiamo fissato un lunedì pomeriggio di Agosto per trovarci nel mio studio e poter iniziare a scattare.

Dato che con Nora era la prima volta che scattavamo insieme ho fatto un po di scatti di prova in modo da entrare in confidenza, ma ho visto fin da subito che era abbastanza sciolta, questo merito anche dell’amica Marsida che la “distraeva” .

Dopo aver scattato in studio abbiamo deciso di andare a fare un aperitivo e cogliere l’occasione di scattare in esterni proprio metre facevamo una bevuta.

Credo che con Nora scatterò ancora in altre occasioni, devo fargli i miei complimenti per come si è comportata davanti all’obiettivo, brava Nora!

Stampa Fotografica di Qualità

Negli ultimi tempi mi sono accorto che sempre più “appassionati di Fotografia” desiderano e mi chiedono  stampe fotografiche di qualità Fine Art, magari su carte “speciali”  credo che questo sia frutto di un processo di “istruzione e informazione” che ho cercato di fare negli anni.

C’è tutto un processo da “rispettare”, dietro una stampa Fine Art, a partire dalla taratura dei monitor e le stampanti alla profilatura dei supporti (carte) per avere un workflow lineare e Certificato. Tutto questo si ottiene usando computer, monitor e stampanti di qualità come il sistema Epson UltraChrome Pro12 con tecnologia K3, e affidandosi a supporti come  quelli delle due cartiere tra le più qualificate e affidabili come Canson® Infinity e  Hahnemühle. Tutto questo lo possiamo stampare fino al formato 44 (1metro e 10)

caffèweb

La stampa di qualità Fine Art applicata anche per la fotografia di cerimonia e matrimoni, è sempre più in voga tra le coppie di sposi che vogliono qualcosa di particolare, per esempio i miei lavori sono accompagnati da un certificato che dichiara sia tutto il processo di stampa, il nome specifico della carta, e non per ultimo la certificazione che i file post prodotti dopo essere stampati vengono “distrutti” per avere la sicurezza di avere un prodotto unico certificato.

get_image

Le cose belle non si fanno in fretta

piccioni tutti-2

E’ proprio vero che le cose belle non si fanno in fretta, come nel lavoro artigianale di un fotografo, dove prevale la passione.

Vi racconto la storia di una domenica mattina di cinquanta anni fa circa, io avrò avuto 3/4 anni, mentre mia mamma aspettava di andare alla messa delle nove, mio babbo si accorse che due piccioni tubavano sul tetto del garage, così corse a prendere la macchina fotografica e in silenzio si avvicinò più possibile ai “soggetti”, erano circa le otto e mezza…

piccioni 01-2

Inizio del corteggiamento da parte di “lui”…

piccioni 02-2

“lei” in un primo momento non ci sta…

Sei scatti in sequenza uno dietro l’altro! , si avete capito bene, sei scatti in sequenza e non 600 o 1000 come usa fare da “i fotografi” di oggi per poi andare a sceglierne sei.

piccioni 03-2

Bacini…

piccioni 04-2

Bacini…

Sei scatti, aspettando, con pazienza e dedizione, che i soggetti si muovessero e assumessero posizioni significative.

piccioni 05-2

L’atto…

piccioni 06-2

Et voilá…

Andammo alla messa a San Pierino perché era l’ultima della mattina a mezzogiorno.

Scattati a mano libera con una PETRI FT obiettivo focale 180mm, pellicola diapositiva AGFA CT 18. Tuttora mio babbo è gelosissimo di questa sequenza, ai tempi, per lasciarla intera, sviluppò la pellicola senza montarla su i telaietti.

Nel 2005 ho scansionato sia la sequenza che fotogramma per fotogramma, per poterci fare un calendario pubblicitario per la nostra ditta.

Ora sono esposti in bellavista all’interno del nostro negozio, nel formato 30×40 stampati su cibacrome.

San Miniato ai tempi del Corona Virus

Purtroppo il 2020 è partito nel peggiore dei modi, con la diffusione di Corona Virus proveniente dalla Cina  già alla fine del 2019 dal nome in codice COVID-19 che purtroppo presto è diventata pandemia a livello mondiale.

Durante la quarantena (lookdown) ho provato a “documentare” fotograficamente la situazione del mio paese, anche se non è stato facile per le situazioni che ho trovato con le persone che non erano proprio disponibili a “collaborare”. Comunque io ho provato ugualmente 

Light Painting

000

Uno di questi giorni, che fuori piove e è freddo, mi è tornato in mente di quando scattavo “fotografia di food“, come si chiama oggi, con la tecnica  della luce pennellata, ai tempi scattavo (in analogico) su pellicola piana con una Linhof 4×5, e con relative difficoltà del caso, tipo, per arrivare ad uno scatto perfetto ci si impiegava anche un giorno a partire dalle “Polaroid” come “provini” fino ad dover esporre 5/7 o 10 pellicole per poi svilupparle e sperare che perlomeno una fosse esposta correttamente.

001

Scatto di partenza: luce flash diffusa

Domenica pomeriggio dopo aver fatto un po’ di prove ho realizzato un paio di scatti e devo dire che ancora oggi è sempre una fotografia affascinante, anche se “aiutati” dalla tecnologia del digitale, c’é sempre una certa “suspense” per arrivare al risultato finale.

Questi sono i risultati…

002003004005006007

Renato Marcialis, uno per tutti, precursore che è riuscito a fare “suo” questo stile di fotografia, date pure un occhiata al suo sito www.caravaggioincucina.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: