L’Importanza della Fotografia

50° Genovini_010518_0071

Per il I° Maggio sono stato chiamato dall’amica Cristina a documentare il 50^ Anniversario di attività dello storico “Ristorante Genovini” aperto nel 1968 da suo babbo Dino, ed ora gestito da lei e suo fratello.

Devo dire che è riuscita una bella festa con tanta affluenza di persone di ogni età, proprio perché in cinquanta anni ce ne sono passati di clienti a mangiare.  Complimenti  per la buona riuscita e auguri per gli anni a venire.

Ma voglio sfruttare questa occasione per parlare dell’importanza della Fotografia, visto che appena sono arrivato stavano sistemando un cartellone (tra l’altro gli avevano dato la forma architettonica dello stesso ristorante) dove erano esposte vecchie fotografie sia in bianco nero che a colori. 

Man mano che la serata entrava nel vivo, tra uno stuzzichino e l’altro, le persone facevano capannello davanti al tavolo dove erano esposte fotografie dai colori ingialliti dal tempo che ritraevano bambini di quei tempi che oggi sono quarantenni.

50° Genovini_010518_0007

50° Genovini_010518_0169

50° Genovini_010518_0087Ecco a cosa serve la Fotografia stampata,  a conservare ricordi, ricordi di qualsiasi genere. Fino a quando non è arrivata la “fotografia digitale”, nelle nostre case ci sono sempre stati cassetti o scatole dove erano custodite vecchie fotografie scattate in negativo e stampate, magari su carta baritata, ritraenti i nostri nonni o addirittura bisnonni, o eventi, compleanni e momenti di convivialità.

Purtroppo, e lo dico a malincuore, in questi ultimi anni avremo un ” vuoto di memoria fotografica” non indifferente, dovuto al cattivo uso della Fotografia,  abituati a fare  miliardi di scatti  “virtuali” , con i nostri cellulari iper tecnologici, che servono solo nell’immediato per darli in pasto ai social network e poi un minuto dopo già dimenticati rimarranno “chiusi” dentro le memorie di cellulari che nel frattempo sono diventati obsoleti e vecchi  da buttare e sostituire con il modello di ultima generazione , e così le nostre fotografie andranno perse ancor prima di essere stampate e  viste tra le nostre mani.

50° Genovini_010518_0089

50° Genovini_010518_0166

Quindi vi inviterei a fare mente locale, e magari dei cento scatti fatti durante il compleanno di vostro figlio provare a fare una scelta e stamparne 15/20 fotografie  su carta fotografica in modo da conservare nel tempo in modo sicuro quel momento, cosi che i nostri nipoti aprendo i cassetti o una vecchia scatola da scarpe potranno trovare ancora dei Ricordi.

50° Genovini_010518_0088

50° Genovini_010518_0171

Annunci

Canon Canonet QL 17

canonet_180417_0019

Trovata su uno scaffale con la scatola ancora da aprire, questa era una delle compatte a pellicola di Canon con mirino a telemetro, ancora costruita tutta in metallo e con le ottiche in vetro, questo si percepisce dal suo perso appena la si prende in mano.

canonet_180417_0012

canonet_180417_0009

Che già dalla sigla faceva presumere che era di qualità, dove il 17 era sinonimo di un obiettivo luminoso infatti montava il 40mm f1.7

canonet_190417_0008

Mentre QL stava per Quick Loading ovvero un sistema di caricamento veloce e sicuro della pellicola, dato che hai tempi era il primo problema, quello di essere sicuri di aver agganciato la pellicola.

Scatti su Pellicola

fuji 13a

Durante la sessione di riprese con Deia che abbiamo fatto a Lajatico al Teatro del Silenzio mi son portato dietro una delle mie Hasselblad con lo Zeiss Planar 80mm f 2,8 e un paio di pellicole Fuji, così ho approfittato per fare un po’ di scatti tanto per ri-prendere la mano all’inquadratura con il pozzetto e abituarmi di nuovo al formato quadrato.

Devo dire che è ancora affascinante il  “rumore” del meccanismo per sollevare lo specchio, ricordi che mie ero dimenticato ma che mi son tornati subito in mente dopo i primi scatti.

Qui di seguito vi metto alcuni scatti che ho scansionato senza alcun “intervento digitale”

Senza titolo-0

Senza titolo-1

Senza titolo-2

Senza titolo-3

A San Gimignano con Ana

san gimignano_01

I primi giorni di Febbraio con Ana siamo andati a fare un giro a San Gimignano, giornata fredda ma bella considerando il periodo dell’anno, comunque siamo riusciti a fare qualche scatto come al solito…

In questa occasione mi son portato dietro oltre alla mia Canon 5d MkII con il 50mm f1,2, una vecchia Polaroid Automatic 350 Land Camera, che tempo fa sono riuscito a rimettere in funzione, ho usato pellicole Fuji FP100C Silk, e alternandola alla Canon, mi sono divertito a fare qualche scatto, qui potrete vederne alcuni (naturalmente sono scansioni delle fotografie originali) solo dopo mi sono accorto che entra un baffo di luce, niente male, fa parte della fotografia analogica.

Ana M_020215_0006

Ana M_020215_0017

Ana M_020215_0018

Ana M_020215_0037

Ana M_020215_0045

Ana M_020215_0048

Ana M_020215_0058

 

Ana M pola 020215_125

Ana M_020215_0062

Ana M_020215_0072

 

Ana M pola 020215_126

Ana M_020215_0078

Ana M_020215_0082

Ana M_020215_0084

 

Ana M pola 020215_127

www.francescosgherri.photography

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: